Rilancio aree di crisi industriale, tempo scaduto per la presentazione delle domande


Il Ministero dello Sviluppo Economico ha disposto la chiusura degli sportelli per la presentazione delle domande di agevolazione riguardanti programmi d’investimento nei comuni riconosciuti quali territori interessati da crisi industriale (D.M. 14 novembre 2019).

A fronte della revisione dei termini e delle modalità e procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore di programmi di investimento finalizzati alla riqualificazione delle aree di crisi industriale, il Ministero dello Sviluppo Economico ha ritenuto opportuno provvedere alla chiusura delle procedure a sportello attualmente in corso prevedendone la riapertura a seguito del completamento del suddetto processo di revisione.


Nello specifico, il suddetto Ministero ha disposto la chiusura degli sportelli per la presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni riguardanti i programmi d’investimento localizzati nei seguenti territori:
– comuni della Regione Friuli Venezia Giulia riconosciuti quali territori interessati da crisi industriale non complessa;
– comuni dell’area di crisi complessa di Livorno;
– comuni dell’area di crisi industriale non complessa della provincia di Massa Carrara;
– comuni del cratere sismico aquilano individuati dal “Programma Restart Abruzzo”.